giovedì 20 gennaio 2011

Tortelli (tortei) di patate trentini

Ricetta: tortelli di patate trentini, delle frittelle di patate.

Tradizionalmente, in Trentino, si fa la "torta di patate", un contorno buonissimo a cui si abbinano salumi e formaggi tipici, fagioli, insalata di cappuccio... un vero e proprio risveglio dei sensi!

 La torta si cuoce generalmente nel focolare con abbondante olio; siccome la sua bontà è strettamente legata al tipo di cottura (il forno del focolare è particolarmente secco e raggiunge temperature intorno ai 320°/330°) non ho nemmeno tentato di utilizzare il forno elettrico.
Così ho fatto i tortelli (che non hanno nulla a che fare con la pasta ripiena) che si fanno solitamente d'estate (con il caldo è proibitivo accendere il focolare) fritti in padella.

Ecco cosa vi serve:
  • 5 patate (preferite quelle asciutte tipo bianche o comunque ben stagionate);
  • 2 cucchiai colmi di farina;
  • sale (da aggiungere dopo la cottura).
Visto com'è corta la lista degli ingredienti?
 Allora semplicemente, sbucciate le patate crude e grattugiatele.
 Potete usare la grattugia tradizionale o il robot.


Se le patate sono un po' acquose vi consiglio di metterle, una volta grattugiate, in un colino ( dopo averle salate) per far perdere l'acqua in eccesso.

Incorporate la farina. 
A proposito di farina!!!

 Ho voluto fare un piccolo esperimento, ho utilizzato la "farina lievitata".
Avete presente quella farina con il lievito già incorporato (la chiamano farina istantanea)?
Io la utilizzo molto per le verdure in pastella (anziché aggiungere la birra che le bagna e, si sa, mai il bagnato con il fritto, perde di croccantezza!).

Il risultato? A me sono piaciuti, risultano più gonfietti e leggeri. Ed io, quando li faccio, almeno una decina me li mangio!!!


In una padella scaldate per bene l'olio (per friggere vi consiglio olo d'arachidi se non avete quello d'oliva; l'importante è che sia bello abbondante, perché più ce n'è e meno il fritto s'impregna d'olio).

Disponete la patata su un cucchiaio bagnato  piuttosto capiente livellando la superficie (siccome si gonfiano, se li fate troppo cicciottelli, il rischio è che rimangano crudi all'interno).
Fate scivolare nell'olio caldo.
 Girateli solo una volta (così s'impregneranno meno); quando saranno belli dorati e croccantini scolateli su carta assorbente.


 Come ho già detto,sono ottimi con salame, "fasoi en bronzon" (vi posterò la ricetta, in ogni caso sono i fagioli in umido con lardo o pancetta) formaggi stagionati. Io avevo delle salsicce che mi avanzavano e le ho cotte in padella; le posto tra le ricette base.
Buon appetito!!!

Vedi anche:

2 commenti:

  1. Per i fritti ci vuole sempre l'olio di arachidi perchè non fa il punto di fumo ovvero la schiumetta quando si frigge.
    domani sera sperimento questa ricetta poi ti saprò dire.
    STEFANIA

    RispondiElimina
  2. Ciao,
    Amo tortelli di patate. è molto buono
    Grazie la tua ricetta
    A presto!

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU