domenica 16 gennaio 2011

Risotto alla Parmigiana


Risotto alla parmigiana : il risotto è uno dei piatti che preferisco; versatile, si prepara in mille modi diversi.
Il risotto alla parmigiana è il più semplice e, se fatto bene, il suo sapore delicato conquista il palato.




Ecco cosa vi serve per 3/4 persone:
  • 300 gr d riso Carnaroli;
  • 750 ml circa di brodo;
  • vino bianco;
  • Parmigiano in abbondanza (io ho usato del Parmigiano invecchiato di 60 mesi);
  • burro;
  • mezza cipolla piccola;
  • un cucchiaino di panna (opzionale).
Preparazione del risotto alla parmigiana

Tritare finemente la cipolla e soffriggetela nel burro.

Unite il riso e tostatelo per un paio di  minuti. Sfumate con il vino bianco.



Quando l'alcool sarà evaporato - passaggio importante, se il vino non viene sfumato bene il si sente subito nel risotto- aggiungete una mestolata di brodo e mescolate continuamente.
Quando il brodo si sarà asciugato unire un'altra mestolata, sempre mescolando, finché il riso non sarà cotto.
Mantecate il risotto con un cucchiaino di panna e a piacere una noce di burro; teoricamente il risotto "si manteca da solo", perché il riso durante la cottura rilascia l'amido e lo rende cremoso. A me però piace mantecarlo ulteriormente.
Incorporate il Parmigiano grattugiato.













Ricapitolando, i segreti per preparare un buon risotto:
  • utilizzare una casseruola di buona qualità bassa e larga;
  • la tostatura del riso è fondamentale;
    il brodo deve sempre bollire;
  • nella prima parte della cottura (soffritto,tostatura e prima fase della sfumatura in cui inizia a prendere bollore) tenere la fiamma media per poi abbassarla in seguito;
  • mescolare continuamente (per una cottura omogenea del chicco di riso);
  • aggiungere poco brodo alla volta (per evitare l'effetto "lesso" e non rischiare, in particolare a fine cottura, di unirne troppo ed avere un risotto stracotto e "liquidoso");
  • effettuare la fase mantecatura a fuoco spento (ricordatevi che il riso continua a cuocere anche a fiamma spenta, ragion per cui è consigliabile iniziare la mantecatura quando il riso è ancora al dente) ;
  • per chicchi ben sgranati: individuare il giusto tempo di cottura che generalmente va dai 15 ai 18 minuti a seconda della qualità del riso e della quantità.
Vedi anche:

2 commenti:

  1. che meraviglia questo risotto!!!!!!
    sta sera volevo un piatto con la melanzana,ma sbaglio non hai niente(con la melanzana).?
    allora cambio il menù faccio questo risotto,purè,
    tartare di manzo poi ti racconterò....
    ho bisogno una ricetta con la melanzana e la scarola grazie STEFY

    RispondiElimina
  2. Ciao tesoro sono felice che ti piaccia il risottino!!!! e brava che azzardi con la tartare di manzo!!! in effetti non ho ancora niente con la melanzana...allora melanzana e scarola sono un abbinamento un pò inusuale per questo ti consiglio questa ricettina che magari a breve farò anch'io: polpettine di melanzane con cuore di scamorza su letto di scarola. Ho trovato la ricetta su giallo zafferano.600 gr di melanzane, da pelare tagliare a cubetti e lessare in acqua salata. Poi le devi far sgocciolare con un peso sopra per un pò. In alternativa le dividi a metà, le sali e le metti in forno a cuocere, solo che ci vuole almeno un'oretta. Dopodichè le frulli.
    Metti la purea in una ciotola, aggiungi due uova e 100 gr di parmigiano, 100 gr di pane raffermo sbriciolato,due cucchiai di prezzemolo tritato, sale epepe. Fai polpettine con un cubetto di scamorza affumicata all'nterno. Passa le polpettine nel pane gratt. e friggile. Servi calde su un bel etto di scarola condita che "pulisce la bocca!!!" a breve le faccio anch'io!!!fammi sapere

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU