lunedì 22 ottobre 2012

Uova in camicia su letto di spinaci e pane casereccio

Uova in camicia o uova affogate... 
questo è proprio uno dei casi in cui la famigerata frase: "non sa nemmeno cucinare un uovo" potrebbe calzare... già, perché se non si seguono quelle due o tre accortezze l'uovo in camicia proprio non viene... per il resto, con un po' d'attenzione, direi che cucinare le uova affogate è piuttosto semplice.
Ad ogni modo vi consiglio di provare: quell'involucro esterno sodo e compatto nasconde un cuore rosso morbido e cremoso... perché l'uovo in camicia risulti perfetto il tuorlo dev'essere rimasto crudo, non vi dico quanto piace ai bimbi e quanto è buono "pucciato" con il pane casereccio!!!


Veniamo dunque alle indicazioni di cottura del famigerato uovo affogato:


  1. usare uova freschissime;
  2. bisogna aggiungere dell'aceto all'acqua -nella proporzione di un cucchiaio per ogni litro, per facilitare la coagulazione dell'albume;
  3. è importante la temperatura dell'acqua: deve sobbollire e  non bollire troppo violentemente, altrimenti c'è il rischio che spacchi l'uovo;
  4. è fondamentale monitorare il tempo di cottura per evitare che l'interno si cuocia troppo;
  5. prima di tuffare l'uovo nell'acqua bollente bisogna creare un vortice servendosi di un cucchiaio;
  6. è importante mettere a raffreddare l'uovo nell'acqua fredda subito dopo la cottura.

Preparazione dell'uovo in camicia

Mettere a bollire l'acqua con l'aceto: è importante utilizzare una pentola capiente dai bordi alti,
 come ad esempio quella per cuocere la pasta

Preparate in anticipo una bacinella d'acqua fredda in cui immergerete l'uovo una volta cotto: quest'operazione è importante per interrompere la cottura dell'uovo e per togliere l'eventuale sentore d'aceto ( ad essere sincera l'ho fatto solo la prima volta ...).

Aprite il primo uovo in un piatto facendo attenzione naturalmente a non rompere il rosso; ovviamente le uova vanno cotte una alla volta.
Create un vortice con un forchettone partendo dal centro e fateci scivolare delicatamente l'uovo.
Calcolate con esattezza 3 minuti.
Servendovi di una schiumarola raccogliete l'uovo da sotto e molto delicatamente mettetelo a raffreddare nell'acqua fredda.
Vi consiglio di tenerlo sempre nella schiumarola così non rischiate di romperlo; dopodiché asciugatelo e servitelo con sale e pepe.

Io le ho servite su un bel letto di spinaci al burro e Parmigiano, con una bella fetta di pane fatto in casa!!!




7 commenti:

  1. credo ke sia veramente buonissimo questo piatto con spinaci,e buon lunedi a tutti Jessica

    RispondiElimina
  2. Bello e buonissimo piatto :)

    RispondiElimina
  3. Hai reso un piatto semplicissimo molto particolare.. mi piace come lo hai presentato.. e sul letto di spinaci! baci e buona giornata! :-)

    RispondiElimina
  4. buonissimo davvero pucciare il pane dentro hihihi..buona giornata ciaoo

    RispondiElimina
  5. ricettina proprio sfiziosa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. proprio ieri sera ho riprovato e niente, non mi viene più!
    eppure prima sapevo farlo, proverò anche con questi tuoi suggerimenti, ma in quanta acqua li cuoci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è importante la dimensione della pentola -provato anch'io sulla mia pelle-, ne avevo usata una piccola perchè ne volevo preparare solo uno e non è venuto bene come al solito, probabilmente perchè non riesce a crearsi bene l'effetto vortice. Non ti so dire i litri, comunque puoi usare la classica pentola con cui lessi la pasta. Ciao a presto!!!

      Elimina

CONDIVIDI SU