mercoledì 13 marzo 2013

Carciofi fritti in pastella

 I carciofi fritti in pastella sono davvero squisiti : l'importante, per evitare che rimangano crudi o duri, è pulirli più accuratamente -cioè togliere più foglie- e tagliarli nel giusto modo.


Per quanto riguarda il tipo di carciofo vedete un po' quello che trovate: io ho preso le violette, le mammole ancora non c'erano, le prime comunque sono più economiche, le seconde più morbide. Per la frittura, visto che gran parte del carciofo viene tolto, io opterei per le violette.

 Preparazione delle frittelle di carciofo in pastella
Preparate la pastella come ricetta scritta QUI; io  l'ho messa nel freezer , mentre preparavo i carciofi, per renderla ancora più leggera e croccante, un po' come  per la tempura.
Per la pulizia dei carciofi date un'occhiata QUI , ma del gambo tagliate solo la parte finale.Quando lo tagliate per togliere  la parte superiore,  abbondate, la frittura non riesce ad ammorbidire le parti più dure e stoppose. Questo il risultato:


A questo punto tagliatelo a fette per il lungo, di circa mezzo centimetro, da ogni carciofo dovreste ottenere 5 fette.
Metteteli in acqua e limone affinchè non si anneriscano.
In una teglia antiaderente riscaldate olio d'arachide in abbondanza; passate le fette di carciofo nella pastella e friggitele. Scolate l'olio in eccesso su carta assorbente e salate. Servite ben caldi.



2 commenti:

  1. Io odiof riggere.. ma quanto son buoni i carciofi fritti!!!! baciotti

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU