mercoledì 13 novembre 2013

Panzerotti o calzoni fritti




I panzerotti fritti: ma che bontà!!! C'è chi li chiama panzerotti, chi calzoni... ma in effetti sono calzoni fritti, solo che in Puglia, patria della ricetta, hanno deciso di chiamarli panzerotti, tutto qui!!
Vi serve, per 4:

500 gr di farina Manitoba;
mezzo cubetto di lievito fresco ( per una lievitazione lenta, se avete poco tempo dovrete raddoppiare la dose, a scapito, però, del risultato);
un cucchiaino di miele o un cucchiaio di zucchero;
100 ml di latte;
150 ml di acqua a temperatura ambiente;
sale q.b;
una girata d'olio extra verdine d'oliva.

Per il ripieno, fate un po' voi: polpa di pomodoro (2 scatole) mozzarella (2), prosciutto, funghi, capperi, acciughe, wurstel... come per la pizza, ogni panzerotto si personalizza a seconda dei gusti.

La mia amica Chiara, pugliese verace, mi ha consigliato di tenere l'impasto asciutto, giusto, non bagnato insomma: la classica proporzione, il liquido dev'essere la metà della farina. L'impasto troppo bagnato li rende "mollacciosi, ciungosi" una volta fritti.  Fondamentale è anche la seconda lievitazione. Poco latte nell'impasto li rende un pochino più morbidi,altrimenti il croccante è troppo..."croccantoso"!! Provare per credere!! Semplici consigli per un panzerotto come si deve!!

Preparazione dell'impasto dei panzerotti

Sciogliete il lievito con il miele -o lo zucchero- ed il latte. Incorporate la farina e l'acqua. Per ultimi l'olio ed il sale ( rallentano la lievitazione). 




 Impastate finché non otterrete un bel panetto compatto








Fate un bel taglio a croce 





Fate lievitare più tempo che potete -minimo un paio d'ore-.





Quando la pasta sarà lievitata formate dei piccoli panetti; io li ho fatti di circa 80-90 gr l'uno, ma la prossima volta li farò più piccoli, così da poterne friggere due alla volta con la friggitrice. Fate lievitare nuovamente per almeno un'ora.


Non ricordo esattamente quanti panzerotti di questa misura si ottengano: mi pare 9-10. Facendoli più piccoli si arriva anche a 12.

Passiamo al ripieno: trattandosi di calzoni fritti il ripieno dev'essere meno umido possibile. Motivo per cui ho utilizzato la polpa - e non il pelato o la passata- e l'ho messa in un colino affinché rilasciasse l'acqua in eccesso. Dopodiché l'ho condita con sale, olio ed origano. Tenete presente che così facendo la polpa perde molto del proprio volume, per cui ve ne serviranno almeno due scatole.
Stessa cosa per la mozzarella: ho preferito quella fresca, perché più saporita rispetto alla mozzarella per pizza venduta al super (che davvero non sa di niente) l'ho tagliata a fettine e fatta scolare.
Ho tritato tutto (eccetto il pomodoro) con il robot: la mozzarella - se volete potete usare anche un formaggio saporito tipo Fontina o Provola e tritarlo-  il prosciutto cotto e tutti i salumi che sceglierete.

Stendete un panetto con il mattarello e disponete il ripieno al centro










Richiudete facendo attenzione a sigillare bene i bordi
e friggete in abbondante olio d'arachidi (devono essere coperti dall'olio)


Ecco il primo appena fritto e fatto scolare su carta assorbente



Ed eccolo pronto per essere mangiato!!!


Vedi anche:
Muffins di pizza
Zeppole salate
 Gnocco fritto
Pizza con alveolatura
Focaccia alta allo yogurt 

8 commenti:

  1. Noi li chiamiamo calzoni,come li chiami chiami son sempre buonissimissimi ahahhaahahah.Notte cara

    RispondiElimina
  2. calzoni, come Tina, in effettianche cambiando il nome il risultato resta invariato :D sono golosi comunque !

    RispondiElimina
  3. Sto sbavando si può dire??? con quel ripieno che fuoriesce.. Ma si.. calzoni.. panzerotti..che ci importa del nome.. noi vogliamo la sostanza!!!! smackk

    RispondiElimina
  4. MA CHE SCHIFOOOOOOOOO!!!!!!!!

    ^____________^

    lo sai vero che mi stai facendo morire dall'acquolina????

    devo proprio provarli una volta...
    ma senza la friggitrice...è una puzza in casa che non finisce più...
    mi sa che aspetto la primavera quando potrò lasciare aperte le finestre ad oltranza!

    GRAZIE per la GOLOSISSIMA RICETTA!!

    RispondiElimina
  5. eh si qui a Napoli sono calzoni, ovviamente fatti con la pasta di pizza :) bravizzima che buoni *.*

    RispondiElimina
  6. Ciao Sere!!! eccomi passare dal tuo splendido blog! questa ricetta è golosissima e fatta a regola d'arte! una meraviglia! complimenti! un abbraccio

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU