venerdì 13 dicembre 2013

Linguine all'astice



Spaghetti all'astice: ricetta per la vigilia di Natale o per il Cenone di Capodanno. Sono un primo piatto di pesce prelibato, bello anche da vedersi oltre che molto saporito, dato che l'astice o l'aragosta vengono cucinati nella stessa padella del pomodoro fresco dove poi viene saltata la pasta.


La ricetta è semplice, ci sono solo due accortezze da rispettare -pena la rovina del piatto-:



  • seguite le dosi per il pomodoro: la pasta risulterà rosata e non rosso fuoco come per la tradizionale pasta al pomodoro!! La salsa di pomodori , acidula, accompagna ed esalta la dolcezza dell'astice ma se si esagera coprirà il sapore delicato del crostaceo rovinando il piatto. Ed è proprio per la prelibatezza del piatto che consiglio vivamente il pomodoro fresco; anche se non è stagione, come adesso, alle porte del Natale, si possono usare i pomodorini, tanto ne bastano pochi.
  • non cucinate troppo l'astice, altrimenti diventa stopposa;


Ingredienti per 3/4 persone :

Astici: calcolatene mezzo a testa;
2 scalogni piccoli;
1 spicchio d'aglio;
vino bianco o rosato;
olio evo q.b.;
prezzemolo tritato q.b.;
la punta di un peperoncino piccante;
350 gr di linguine o trenette o spaghetti;
pomodoro fresco: io ho usato pomodorini freschi Mini San Marzano -500 gr-, in alternativa pomodori perini tipo San Marzano 6-700 gr;
una cucchiaiata scarsa di pane grattugiato SOTTILE;
sale e pepe.

Preparazione degli spaghetti o linguine all'astice /aragosta

Private l'aglio dell'anima e tritatelo (altrimenti schiacciatelo con l'apposito attrezzo)  con lo scalogno, tagliate la punta di un peperoncino piccante a rondelle e fate appassire il tutto dolcemente nell'olio per una quindicina di minuti, coperto. Unite anche parte del prezzemolo tritato.
Vi consiglio di utilizzare una teglia in alluminio, sono le migliori per esaltare il sapore del pesce.


Arriviamo al punto dolente: gli astici vivi. Io proprio non ce la potrei fare, quindi delego a mio marito. In alternativa potete andare dal pescivendolo all'ultimo e farli tramortire da lui.
Dovrete metterli "a pancia in giù " e, con un coltello dalla lama lunga ed affilata dargli un colpo secco sul collo. Dovete essere decisi perché il colpo dev'essere definitivo. 
Divideteli a metà per il lungo


con uno schiaccianoci rompete le pareti delle chele in modo che rilasci i saporiti liquidi durante la cottura.


Unite gli astici al soffritto


 sfumate con il vino e fateli saltare a fiamma alta.
Un pizzico di sale e pepe, coprite e fate cuocere dolcemente gli astici per una decina di minuti.
Toglieteli, spolverate con il pangrattato sottile, ed aggiungete la salsa di pomodoro fresco.
 Preferisco non cucinare gli astici NEL pomodoro perché cucinerebbero troppo; tutto il sapore degli astici è comunque lì, in padella, e viene raccolto dalla salsa di pomodoro e -SEGRETO FONDAMENTALE- dal pizzico di pangrattato.

Per quanto riguarda il pomodoro se utilizzate i pomodorini, lavateli e toglieteli il picciolo. Dopodiché potete passarli con il  passaverdure senza sbollentarli (la buccia è molto più fine) oppure tritarli direttamente con il robot. Con i pomodoroni invece,  vi consiglio di sbollentarli in acqua bollente per non più di due minuti. Così faciliterete la perdita della buccia quando li passerete con il  passaverdure; se volete utilizzare il minipimer o robot dovrete togliere la buccia in precedenza a mano.


Fate asciugare la salsa di pomodoro  leggermente salata a fiamma sostenuta per una decina di minuti o comunque finché non sarà bello tirato; a questo punto io amo aggiungere nel pomodoro un goccino di latte.
Con il mestolo togliete gli spaghetti o le linguine e mettetele nel sughetto; la pasta non deve'essere cotta ma tenuta molto al dente.  Proseguirà la cottura  nel sughetto con una mestolata di acqua di cottura.


Aggiungete anche  gli astici, e fategli riprendere calore.


In ogni piatto disponete metà astice e le linguine.


Il risotto all'astice è delicato ma molto saporito... più difficile da preparare sarà una novità per i vostri ospiti!!
PREZZO  Una curiosità: a differenza di quanto si possa pensare, l'astice costa quasi la metà degli scampi. Gli scampi nazionali freschi costano intorno ai 42-42 Euro al kg (ma quelli d'importazione la metà); l'astice si aggira intorno ai 21-22 Euro al kg. L'aragosta invece costa di più, anche se personalmente preferisco l'astice.  

Vedi anche:
 Il risotto all'astice
gamberi alla Busara
spiedini di mare gratin con verdure

3 commenti:

  1. Li conosco molto bene.. troppobuoni!!! smack e buon sabato :-)

    RispondiElimina
  2. Wowwwwww! ma questi sono miticiiiiiii!!!!!oddio svengo dalla bonta'! e' una prelibatezza assoluta!

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU