giovedì 26 giugno 2014

Cheesecake con mascarpone, latte condensato e salsa alle fragole


Cheesecake senza cottura alla vaniglia con mascarpone e latte condensato: 
queste " americanate" ci piacciono, e ci piacciono un sacco!!
Solo che, se non le rendiamo nostre, non le italianizziamo un pochino diciamo, 
no,
 non siamo contenti!!
Prima di passare alla ricetta vi ricordo la mia  pagina su facebook, per continui aggiornamenti e nuove ricette!!
https://www.facebook.com/Sere81


Parto dal mio storico: 
la mia prima cheesecake -con cottura- mi fu insegnata da mia suocera.
Ricetta del ristorante di famiglia, 
che tanti, ma davvero tantissimi anni fa,
il pro-zio di mio marito aveva " conquistato" in terra americana.

Già, ma a quei tempi c'era il philadelphia?
Direi proprio di no,
  e dal formaggio la torta ha preso il nome:

Insuperabile, inimitabile, 
senza marmellata in superficie, perché è buonissima di suo.
Se non sapete quale dolce portare senza rischiare scivolate ( a patto di avere un buon forno e servirla fredda)
 e che possa piacere davvero a tutti : la torta alla robiola è la soluzione.

Si, in effetti la robiola mi piace di più del philadelphia, 
ma ad ogni modo entrambi i formaggi nelle cheesecake senza cottura... non li preferisco diciamo.
La chicca sarebbe proprio il contrasto- e di riflesso- l'equilibrio di gusti contrastanti: 
l'acidino del formaggio con il dolce del coulis o della marmellata o della salsa alla frutta,
il morbido della farcitura con il croccante della base.

Si però io sono una tradizionalista, super appassionata di tiramisù,
 e SI a dire il vero il mascarpone lo metterei proprio ovunque.

E così, questa è la prima delle direi- innumerevoli- modifiche che ho apportato alla ricetta da cui mi sono ispirata, sempre di Stefania, l'araba più felice che conosca!!

La sua ricetta la trovate QUI, e prevedeva, oltre all'utilizzo del philadelphia, l'aromatizzazione al limone.
Non amando il limone - anche se certo ci sta benissimo con i frutti rossi- ho optato per la vaniglia; naturalmente vi posterò entrambe le versioni così potrete seguire quella che più vi aggrada.

Poi, parlando con la mia amica Angela, mi racconta di aver preparato una cheesecake senza cottura e di aver aggiunto del cioccolato bianco nella base.
MIII...che meraviglia!! 
Che dolce libidine!!
E cioccolato bianco sia!!

E poi, per la copertura, potete sbizzarrirvi:
un semplice coulis di fragole o lamponi ( pure le ciliege, se avete voglia di denocciolarle tutte)
oppure una semplice  e veloce salsa di fragole QUI la ricetta - potete farlo anche con altri frutti di stagione.



Ingredienti per uno stampo da  20/22 cm di diametro
( io l'ho fatta in un classico stampo da 26, viene più bassa è vero, ma " sembra più leggera")

500 g di mascarpone o formaggio tipo Philadelphia o robiola;

un barattolo di latte condensato zuccherato da 397 g oppure potete farlo da voi, qui la ricetta del  Latte condensato fatto in casa;

70 ml di succo di limone, appena spremuto oppure una fialetta di aroma di vaniglia ( o una stecca);

7 g di gelatina in fogli - (non so se tutte le marche fanno la stessa misura di fogli, cmq corrisponde ad un foglio e mezzo);

200 gr di biscotti secchi 

100 gr di burro*
una stecca di cioccolata bianca -100 gr-

lamponi o fragole, per decorare e per il coulis

oppure per la salsa alle fragole:

400 gr fragole fresche;
130 gr zucchero semolato ( se volete una salsa più densa, utilizzate lo zucchero a velo in commercio: contiene circa circa il 3% di amido di mais, dal potere addensante)
mezzo limone;

* come per tutte le basi di cheesecake: la quantità di burro dipende dai biscotti. 
Per i biscotti "grassi "come i digestive ne basta meno, per quelli secchi tipo oro saiwa di più.
Il mio consiglio è quello di mettere 60-70 gr di burro inizialmente, e poi aggiungere altro burro finchè il composto non risulterà come la  "sabbia bagnata" del mare.

Preparazione  della cheesecake con mascarpone e latte condensato

Per prima cosa, ammollate la gelatina in acqua per una decina di minuti.
Sciogliete il cioccolato bianco : a bagno maria, oppure al microonde - 300 w-, oppure con il bimby.
Riducete i biscotti in polvere nel robot o mixer;
 amalgamateli al burro fuso e al cioccolato sciolto.
Pressare il composto ottenuto con le mani sulla base di una teglia a cerniera imburrata.
Mettete la teglia in frigo per mezz'ora.

Riprendete la gelatina, strizzatela,  e mettetela in un padellino con 100 ml di latte condensato ( foto1) e la vaniglia.

Nel caso in cui vogliate l'aromatizzazione al limone, anziché il latte condensato, scaldate a bagnomaria il succo di limone, e scioglieteci la gelatina scolata e strizzata. Fate raffreddare. 

Accendete la fiamma e girate finché la gelatina non si sarà sciolta. 
Vedrete che si scioglierà in pochi minuti, senza che il latte condensato raggiunga temperature elevate.
Mescolate il latte condensato con gelatina al latte condensato avanzato -questo per evitare grumi-  e mettete a raffreddare in frigo.


Montate il mascarpone - o Philadelphia- freddo di frigo  in una ciotola  con le fruste elettriche, per un minuto ( foto2)
 Dopodiche' aggiungete, sempre montando con le fruste, il latte condensato ( che dev'essere freddo) a poco a poco (foto 3)
 Versate il tutto sulla base di biscotti e lasciate una  notte in frigo ( o almeno 12 ore) foto 4.

Al momento di servire, decorare a piacere con lamponi, fragole o altra frutta.
Per il coulis: frullare lamponi o fragole con succo di limone e zucchero a velo, secondo i vostri gusti.

E' davvero favolosa, provatela al più presto!!!



Vedi anche:

9 commenti:

  1. Esatto!!!! italianizziamo!!! sai che ti dico "Italians do it better"!!! Una favola la tua! baci

    RispondiElimina
  2. Siiiiii....le cheesecake mi piacciono tutte!!! Anche io ho la mia versione senza cottura con il cioccolato bianco e il cocco nella crema: è libidinosa!!! Con il mascarpone ancora non ho provato, uso sempre philadelphia, ricotta, panna. Solo in quella cotta uso un po' di robiola (faccio un mix di formaggi). E' questione di preferenze personali ma son tutte buone! :-P P.s. mi dispiace che il tuo cucciolo sia rimasto così male per la partita :-( vedi, è anche per queste cose che questi giocatori mi fanno rabbia: non si rendono conto di deludere con la loro superficialità.

    RispondiElimina
  3. Mamma che cos'è Sere!!!
    Mi salvo subito la ricetta e lo provo!!!
    Un mega bacio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  4. sempre meglio la robiola :) il Philadelphia proprio no, sa di chimico. :D

    RispondiElimina
  5. Ciao mi sono ritrovata sul tuo blog grazie ad una tua collega che ti aveva inserita nei suoi blog preferiti, che bella questa ricetta facile ma soprattutto super golosa come piacciono a me !!! ti sei conquistata una nuova fans a presto rosa di kreattiva

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

CONDIVIDI SU